Plexiglass: le 5 domande più ricorrenti



Sono numerose le domande che i nostri clienti ci hanno posto in questi lunghi 12 anni di attività nel settore della produzione di manufatti in plexiglass. Qualche tempo fa, in un nostro articolo, avevamo provato a rispondere alla domanda più ricorrente “Perché dovrei preferire il plexiglass al vetro?”, oggi tentiamo di dare una risposta ad altre 5 domande che ci vengono poste frequentemente.

Il plexiglass trasparente ingiallisce?
Gira voce che il plexiglass ingiallisca se costantemente a contatto con l’acqua e con i raggi UV. Nella realtà in passato era sovente che il plexiglass ingiallisse a contatto con i raggi solari, ma oggi  per ovviare a questo problema le formule chimiche sono state ottimizzate al fine di evitare questo tipo di alterazione del plexiglass. Oggi a esempio, le ditte produttrici di metacrilato hanno aggiunto alla formula degli additivi in grado di evitare che i raggi UV vengano assorbiti. Stessa cosa vale per quei manufatti di plexiglass che rimangono costantemente a contatto con l’acqua, pensiamo alle teche per acquari a esempio. Attenzione però al cloro.

Il plexiglass resiste al calore?
Il plexiglass resiste al calore, ma la capacità di resistenza dipende sia dallo spessore del plexiglass sia dalla quantità di calore. Chiaramente non può essere tenuto a diretto contatto di un termosifone caldo o vicino ai fornelli, inoltre anche le lampadine a incandescenza possono incurvarlo danneggiandolo.

Cosa fare se il plexiglass si graffia?
Il plexiglass, si sa, è spesso soggetto a graffi, ma c’è una buona notizia perché il plexiglass può essere rilavorato, rilucidato e quindi rimesso a nuovo, a meno che il graffio non sia troppo profondo.

Plexiglass e policarbonato sono la stessa cosa?
È certo che no, il plexiglass e il policarbonato sono due materiali differenti. Nella fattispecie, il policarbonato è infrangibile  e resiste di più agli sforzi, per questo è utilizzato per la creazione di pannelli, coperture e protezioni. Il plexiglass non ha lo stesso livello di infrangibilità e può essere termoformato, esso viene utilizzato per la realizzazione di vetrine ed espositori. Il policarbonato ha inoltre un prezzo più elevato rispetto al plexiglass.

Il plexiglass è tossico?
Dato che molti clienti ci commissionano degli elementi di arredo per le camerette dei loro bambini, capita sovente che ci pongano questa domanda. La risposta è assolutamente negativa, il plexiglass è un materiale igienico, non tossico e non nocivo.

Queste sono solo alcune delle domande alle quali abbiamo risposto in questi anni, ci farebbe molto piacere riceverne delle altre quindi per qualsiasi dubbio non esitate a scriverci.

Al prossimo articolo!



Ricerca prodotto: